milano

Napoli, genitori e docenti protestano contro il rinvio della riapertura delle scuole: “Da mesi conviviamo con il virus, non è più emergenza”

napoli,-genitori-e-docenti-protestano-contro-il-rinvio-della-riapertura-delle-scuole:-“da-mesi-conviviamo-con-il-virus,-non-e-piu-emergenza”
Spread the love

A Napoli, in piazza Mazzini, si sono dati appuntamento genitori, studenti e docenti appartenenti alla rete No Dad per protestare contro la decisione di rinviare all’11 gennaio la riapertura delle scuole in Campania. “A parte qualche giorno a ridosso delle elezioni di ottobr, dal mese di marzo i nostri figli non vanno a scuola – spiega una manifestante – questo non può non avere ripercussioni sui ragazzi. Io sono una farmacista e mi chiedo se tutte le prescrizioni che vedo, dall’insonnia ai disturbi dell’attenzione fino a quelli alimentari, vengano portati sui tavoli di discussione”. I manifestanti hanno bloccato per diversi minuti il traffico. “Chiediamo pochi minuti di attenzione per un problema che in Campania va avanti da mesi – dice Marianna De Marco, chirurgo pediatra dell’Ospedale Santobono di Napoli – i dati sui contagi dei più piccoli non li danno perché sono buoni”. I manifestanti chiedono che siano resi pubblici o spiegati i dati secondo i quali si sta scegliendo lo slittamento del ritorno in presenza, e sostengono che la chiusura della scuola non possa essere, dopo tanti mesi di emergenza, l’unica soluzione. “Ormai sono mesi che conviviamo col virus – dice una manifestante – non si può più parlare di emergenza, chiudono le scuole perché non riescono a risolvere altri problemi come i trasporti”. Il cronoprogramma della riapertura, in attesa della pubblicazione ufficiale dell’ordinanza regionale, prevede il ritorno in presenza dall’’11 gennaio per gli alunni della scuola d’infanzia e delle prime due classi della primaria. “Mentre a partire dal 18 gennaio – fa sapere l’Unità di Crisi – sarà valutata dal punto di vista epidemiologico generale la possibilità del ritorno in presenza per l’intera scuola primaria e successivamente, dal 25 gennaio, per la secondaria di primo e secondo grado”

Memoriale Coronavirus

Commenti – Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!

Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Scuola, Save the children: “Adolescenti stanchi e preoccupati, per quasi il 50% il 2020 è stato un anno sprecato. 34mila a rischio abbandono”

next


0 commenti su “Napoli, genitori e docenti protestano contro il rinvio della riapertura delle scuole: “Da mesi conviviamo con il virus, non è più emergenza”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: