attualità

LA LEGGE DITTATORIALE IN FRANCIA. ARRIVA IL PASSAPORTO SANITARIO

la-legge-dittatoriale-in-francia.-arriva-il-passaporto-sanitario
LEGGE DITTATORIALE

In Francia gli oppositori l’hanno già soprannominata la legge dittatoriale. Porta il nome del primo ministro Jean Castex ed è stata presentata all’Assemblea nazionale.


Il titolo già dice tutto: “progetto di legge che istituisce un regime perenne di gestione dell’emergenza sanitaria“. Se fosse approvata, il passaporto sanitario diverrebbe realtà.

Cosa dice la legge?

L’articolo 1 attribuisce al primo ministro il potere di subordinare la circolazione delle persone, il loro accesso a mezzi di trasporto o a determinati luoghi, nonché lo svolgimento di determinate attività alla somministrazione di un vaccino, a un trattamento curativo o alla presentazione dei risultati di un test di screening. In parole semplici: se non sei vaccinato, sottoposto a determinate cure o a test come i tamponi nasofaringei, per il governo francese devi diventare un cittadino di serie B con meno diritti e senza libertà.


Il Parlamento viene di fatto esautorato di alcuni suoi poteri e funzioni.


Il Ministro della Salute può, con ordinanza motivata, autorizzare l’adozione di misure individuali aventi per oggetto la collocazione e il mantenimento in isolamento delle persone colpite o contaminate dal virus.

Le reazioni alla legge

“E’ chiaramente un disegno di legge dittatoriale e totalitario”, ha commentato Florian Philippot, presidente del partito sovranista “Les Patriotes”, favorevole alla Frexit, cioè all’uscita della Francia dall’Unione Europea. Marine Le Pen, leader del Rassemblement national ha scritto su Twitter che nessun francese può essere trattato come un cittadino di serie B.

https://twitter.com/MLP_officiel/status/1341336386050400264


Le reazioni sono arrivate anche dal mondo giudiziario. Fabrice Di Vizio, avvocato esperto in diritto della sanità pubblica, ha detto che con il disegno di legge Castex è possibile dire addio alla Costituzione e alle libertà individuali.

tweet di vizio

Ha manifestato la sua contrarietà anche il magistrato Charles Prats, membro dell’APM, l’Associazione Professionale dei Magistrati.


I francesi scenderanno in piazza contro questo disegno di legge. Sono state indette manifestazioni per sabato 26 dicembre a Parigi e in altre città del Paese.

Cosa dice la nostra Costituzione?

Se un disegno di legge simile fosse presentato in Italia, sarebbe in contrasto con tutto l’impianto della nostra Carta Costituzionale e in particolare con alcuni principi fondamentali in essa stabiliti: con l’articolo 1 che attribuisce la sovranità al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione, con l’articolo 3 che stabilisce l’uguaglianza formale e sostanziale dei cittadini, con l’articolo 13 sulla libertà personale, con l’articolo 32 che “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.

Contro questi progetti che si pongono al di fuori dell’ordine costituzionale è necessario un’opposizione politica in parlamento, giudiziaria nelle competenti aule di tribunale e dinanzi alla Corte Costituzionale, nonché civica e culturale, nelle piazze, in favore del rispetto delle Costituzioni e delle Carte fondamentali dei diritti.

REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!

€94.999 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza.
Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

Per poter dar voce a 360 gradi alla libertà di espressione e opinione..

Grazie per il servizio d’informazione che fate, continuate così!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: