attualità

Corrado Giacomazzi: Madagascar Ospita il 5% di tutte le specie animali e vegetali che esistono al mondo

Spread the love

Ospita il 5% di tutte le specie animali e vegetali che esistono al mondo e vanta la compresenza di montagne, mare, canyon di arenaria, rocce calcaree,  foreste di ogni genere…. Di che Paese stiamo parlando? Un ulteriore indizio potrebbe mettervi sulla buona strada: l’animale simbolo di questi luoghi è il lemure.

Si tratta del Madagascar, meravigliosa nazione che si contraddistingue anche per il melting pot culturale generato dalle numerose ondate migratorie che hanno attraversato l’Oceano Indiano. Variegata è anche l’offerta di attività all’aria aperta: escursioni, immersioni, mountain bike, kitesurf, arrampicata su roccia, e tante altre. Sono inoltre presenti piscine naturali, spiagge e amache per i momenti di relax.

Un gioiello da visitare è Nosy Be, un’isola poco al largo della costa nord-occidentale del Madagascar che è interamente ricoperta da una foresta abitata dai lemuri, animali considerati sacri dagli abitanti del luogo. E’ la maggiore di un arcipelago nel canale di Mozambico che appartiene al Madagascar.

L’isola è vulcanica e dista circa 8 km dalla costa del Madagascar. L’area complessiva di Nosy Be è di 300 kmq e il paesaggio, collinare, è caratterizzato da una vegetazione molto folta, mentre le coste sono ricche di palme e insenature, oltre a piccole baie. Il punto più alto da cui si può ammirare un panorama stupendo è il monte Lokobe con un’altitudine di 450 metri s.l.m., senza scordare il Monte Passot con i sui 350 m.

Il capoluogo di Nosy Be è la città di Andoany, nota col nome di Hell-Ville il cui porto è collegato all’isola madre Madagascar da un servizio di traghetti e da una rete di taxi (anche ad uso privato). Da visitare è la Riserva Naturale di Lokobe, che protegge l’ultimo lembo dell’originaria foresta primaria. Inoltre merita un tour nelle isole vicine, come Nosy Iranja, Nosy Komba e Nosy Tanikely, completano un’esperienza ricca di piacevoli sorprese.

Il clima tropicale del Madagascar garantisce temperature piacevoli durante tutto l’anno. Il periodo migliore per visitare Nosy Be è tra maggio e ottobre, durante il quale le piogge sono poco frequenti. Da evitare invece il periodo tra dicembre e febbraio, caratterizzato da forti piogge spesso con frequenza giornaliera.

Racconta Giacomazzi di un viaggio emozionante, indimenticabili, albe e tramonti con fantastici colori. I villaggi sono piccoli composti da capanne con muri di fango e tetto di foglie di palma. La popolazione vive con pochissime risorse, nelle tribù sono ripartiti i vari compiti tra gli anziani. Dice alla nostra redazione Giacomazzi “Ci ha molto colpito la tenerezza dei bambini, assieme a loro abbiamo condiviso momenti suggestivi ed anche commoventi.” VIDEO A tutti i bambini abbiamo portato quaderni, matite e penne ed erano felicissimi di aver ricevuto un regalo così semplice. Loro hanno ricevuto da noi cose materiali, ma i bambini hanno dato molto a noi su alcuni insegnamenti della vita.

Purtroppo allo stato La bevanda miracolosa tanto pubblicizzata da Andry Rajoelina, giovane presidente del Madagascar, fa ancora scalpore anche nei piani alti del governo. Il capo dello Stato insulare ha silurato il ministro dell’Istruzione, Rijasoa Andriamanana. La signora ha osato ordinare un ingente quantitativo di lecca-lecca da distribuire nelle scuole per lenire il gusto amaro, davvero poco piacevole al palato, dell’intruglio “Covid-Organics”, che i piccoli malgasci sono costretti a ingurgitare ogni mattina prima dell’inizio delle lezioni. Rajoelina è ancora convinto che tale tonico sia la migliore prevenzione contro la pandemia.

Fra i motivi per cui visitare il Madagascar è impossibile non citare il contatto con la natura, davvero difficile da trovare in altre mete in una forma tanto pura. Si tratta infatti di una località per gran parte selvaggia e incontaminata, ma nonostante questo le popolazioni native sono molto accoglienti – una seconda ragione per visitare questa culla di meraviglie naturali almeno una volta nella vita. Oltre alla ricchezza della flora e della fauna, infatti, il Madagascar è abitato da persone ospitali e fiere delle proprie affascinanti tradizioni. Un terzo valido motivo è l’ampia scelta fra i percorsi di viaggio: vi aspettano infatti attrazioni modellate direttamente dagli agenti atmosferici (è il caso dei cosiddetti Tsingy, formazioni rocciose calcaree a forma di guglia). Approfittate di un’offerta Alpitour per raggiungere uno dei territori più straordinari che il nostro pianeta è in grado di offrire!

0 comments on “Corrado Giacomazzi: Madagascar Ospita il 5% di tutte le specie animali e vegetali che esistono al mondo

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: