attualità Senza categoria

Una città fiorita di tavolini all’aperto e di dehors, una città dove la velocità delle auto è obbligatoriamente ridotta

Spread the love

Una città fiorita di tavolini all’aperto e di dehors, una città dove la velocità delle auto è obbligatoriamente ridotta, come mai si era visto prima del Covid. Finché dura l’estate, il Comune procede con le autorizzazioni ai commercianti – ristoranti, bar e pizzerie soprattutto, ma ci sono anche librerie, farmacie e un fruttivendolo – che chiedono di far mangiare e bere i clienti all’aperto rispettando le regole sul distanziamento sociale.

In 2.000 hanno fatto domanda e sono già 1.200 quelli che hanno avuto il via libera, con un’accelerazione sulle pratiche arretrate che il 16 giugno erano quasi il doppio. La concessione per l’occupazione del suolo pubblico attraverso la nuova procedura semplificata (Cosap gratuita fino al 31 ottobre) ha portato a 45 mila metri quadrati la porzione di Milano occupata da tavolini e sedie. E a questo scopo, il Comune chiude al traffico altre tre aree oltre alle sei già chiuse: gli spazi fra via Laghetto e via della Signora, all’intersezione tra via Varese e Largo La Foppa e il tratto di controviale a fondo cieco di via Molino delle Armi, immediatamente a est di piazza Vetra.

Arriva così a quasi 6.500 metri quadrati l’area pedonalizzata in città, con 25 chilometri di strade a velocità 30 all’ora e più di 3 chilometri di strade con limite a 15 all’ora. Aree pedonali create perché bar e ristoranti non sempre affacciano su marciapiedi abbastanza larghi da ospitare i tavoli. Visto che le richieste continuano ad aumentare, la giunta proporrà al Consiglio comunale di interessare con l’attività di ristorazione anche le strade dove si può viaggiare fino a 50 all’ora. “Dove non siano riscontrate criticità in termini di sicurezza stradale o viabilità, migliorare la fruibilità delle strade diventa un’opportunità per i commercianti e per i cittadini che possono vivere in modo più sereno la socialità in questi mesi estivi”, dicono gli assessori Pierfrancesco Maran (Urbanistica) e Marco Granelli (Traffico) che stanno anche abbassando i limiti di velocità in 47 nuove strade per un totale di altri 28 chilometri.

0 comments on “Una città fiorita di tavolini all’aperto e di dehors, una città dove la velocità delle auto è obbligatoriamente ridotta

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: