INTERVISTA

Un racconto che tocca il cuore: il Veronese Corrado Giacomazzi tra casualità e nostalgia del Madagascar

Spread the love

 

Il racconto di una Africa prima del coronavirus, cosi con un incontro nato per caso con la nostra redazione  Corrado Giacomazzi di Verona assieme alla moglie racconta una esperienza unica   in Madagascar. Ed è proprio di oggi la notizia che Il ministro dell’Istruzione e della Ricerca scientifica del Madagascar ha dovuto dimettersi dopo aver ordinato 2 milioni di dollari di lecca-lecca per addolcire un rimedio contro il Coronavirus.

Racconta Giacomazzi di un viaggio emozionante, indimenticabili, albe e tramonti con fantastici colori. I villaggi sono piccoli composti da capanne con muri di fango e tetto di foglie di palma. La popolazione vive con pochissime risorse, nelle tribù sono ripartiti i vari compiti tra gli anziani. Dice alla nostra redazione GiacomazziCi ha molto colpito la tenerezza dei bambini, assieme a loro abbiamo condiviso momenti suggestivi ed anche commoventi.” VIDEO A tutti i bambini abbiamo portato quaderni, matite e penne ed erano felicissimi di aver ricevuto un regalo così semplice. Loro hanno ricevuto da noi cose materiali, ma i bambini hanno dato molto a noi su alcuni insegnamenti della vita.

Purtroppo allo stato La bevanda miracolosa tanto pubblicizzata da Andry Rajoelina, giovane presidente del Madagascar, fa ancora scalpore anche nei piani alti del governo. Il capo dello Stato insulare ha silurato il ministro dell’Istruzione, Rijasoa Andriamanana. La signora ha osato ordinare un ingente quantitativo di lecca-lecca da distribuire nelle scuole per lenire il gusto amaro, davvero poco piacevole al palato, dell’intruglio “Covid-Organics”, che i piccoli malgasci sono costretti a ingurgitare ogni mattina prima dell’inizio delle lezioni. Rajoelina è ancora convinto che tale tonico sia la migliore prevenzione contro la pandemia.

Fra i motivi per cui visitare il Madagascar è impossibile non citare il contatto con la natura, davvero difficile da trovare in altre mete in una forma tanto pura. Si tratta infatti di una località per gran parte selvaggia e incontaminata, ma nonostante questo le popolazioni native sono molto accoglienti – una seconda ragione per visitare questa culla di meraviglie naturali almeno una volta nella vita. Oltre alla ricchezza della flora e della fauna, infatti, il Madagascar è abitato da persone ospitali e fiere delle proprie affascinanti tradizioni. Un terzo valido motivo è l’ampia scelta fra i percorsi di viaggio: vi aspettano infatti attrazioni modellate direttamente dagli agenti atmosferici (è il caso dei cosiddetti Tsingy, formazioni rocciose calcaree a forma di guglia). Approfittate di un’offerta Alpitour per raggiungere uno dei territori più straordinari che il nostro pianeta è in grado di offrire!

0 comments on “Un racconto che tocca il cuore: il Veronese Corrado Giacomazzi tra casualità e nostalgia del Madagascar

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: