Connect with us

Hi, what are you looking for?

attualità

coronavirus milano: la mappa dei contagi in città e e nelle zone limitrofe

È una cottura a fuoco lento. Iniziata piano, soprattutto a partire dai primi di aprile, quando la mappa della città ha iniziato a tingersi di rosso. Quasi un miracolo per gli epidemiologi, sicuramente una sorpresa, visto il timore per la “bomba Milano”, la città che corre e accoglie ogni giorno, accanto ai suoi 1,4 milioni di residenti, un altro milione di pendolari. Eppure, alla fine, il virus ha cominciato ad avanzare anche qui. E ha colpito Niguarda, Affori e Bruzzano, così vicini al comune di Bresso che fino a oggi conta 293 contagi ( su 26 mila abitanti) e nell’area milanese è stato il primo, importante focolaio. Ma non solo: perché, qui a Milano dove ieri si è arrivati a 8.965 diagnosi ufficiali di Sars-Cov- 2, 98 in più in 24 ore, il virus picchia forte a Quarto Oggiaro e Crescenzago, e a De Angeli e Baggio, collegate tra loro da quella strada dove si trova il Trivulzio al centro di un’inchiesta per le tante morti dei suoi anziani per il Covid-19.

La prima foto del virus a Milano: la mappa dei contagi in città e nell'hinterland

Eccola, la prima fotografia dei contagi a Milano e nell’area metropolitana: a scattarla è l’Unità operativa di Epidemiologia dell’Ats metropolitana di Milano, che da giorni studia non solo l’avanzata del virus ma anche come e dove questo virus si sia “insediato”. “Rispetto ad altre grandi città europee, Milano ha retto, anche grazie al lockdown che ha permesso di ridurre gli spostamenti e l’utilizzo del trasporto pubblico – spiega Vittorio Demicheli, direttore sanitario di corso Italia ed epidemiologo della cabina di regia che monitora la Fase 2 – Nelle epidemie è come se si raggiungesse una soglia, oltre la quale i contagi avanzano in modo rapido, esponenziale: a Milano quella soglia, per fortuna, non è stata ancora raggiunta. Non è detto, però, che questo non avvenga in futuro: per questo la guardia non si deve abbassare, la situazione rischia di essere ancora in bilico”.

Come si è diffuso il coronavirus a Milano? La mappa del contagio in timelapse

in riproduzione….

I dati di ieri raccontano di una Lombardia dove il Covid rimane diffuso – 502 casi in più, con 85 decessi in 24 ore ma anche un numero alto di guariti: dall’inizio dell’epidemia i contagiati sono stati 81.225, di cui 14.924 non ce l’hanno fatta – e di un’area, quella metropolitana milanese, che oggi è quella dove l’epidemia avanza ancora. Con 21.272 casi ufficialmente diagnosticati (+ 178 in 24 ore), e ai quali se ne devono aggiungere almeno altrettanti “sommersi” e non diagnosticati ufficialmente.

La mappa disegnata dagli epidemiologi di corso Italia individua allora per tutto il territorio dell’Ats (che copre anche Melegnano, Legnano e Lodi), diverse fasce di contagio, abbinate ad altrettanti colori, sulla base del codice postale di residenza dei malati. In time lapse, il progressivo colorarsi della mappa: da un tenue giallo diffuso in tutta l’area metropolitana e lodigiana a partire già da gennaio (quando, secondo gli esperti, il virus girava sottotraccia), ecco che il rosso scuro compare già tra il 17 e il 18 febbraio, due giorni prima della diagnosi ufficiale del paziente 1 a Codogno, nella Bassa lodigiana. Per poi allargarsi al resto della cartina, e arrivare in città ai primi di aprile: qui, a poco a poco, i contagi sono iniziati e sono arrivati a un tasso tra 7 e 10 casi ogni mille persone, da color rosso medio, a Baggio, De Angeli, Affori, Niguarda, Comasina, Crescenzago, Quarto Oggiaro.

Alla fascia tra 6 e 7 casi ogni mille abitanti appartengono Lorenteggio, Sant’Ambrogio, Chiesa rossa, Navigli, Tibaldi, corso Lodi, Corvetto, Calvairate, Santa Giulia, Porta Romana, Forlanini. Arancio chiaro, grazie ai loro contagi compresi tra 4,5 e 6 casi ogni mille persone, sono Città studi, Porta Venezia, Parco Lambro e Lambrate, Garibaldi-Repubblica e Centrale, il Portello, Paolo Sarpi, il Gallaratese, San Siro e il Parco Trenno. Quasi non toccate dal Covid 19, con il loro giallo tenue, sono invece il centro storico e corso Magenta. Ma anche via Padova e il quartiere Adriano.

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

BUSINESS

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum fugiat.

World

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum.

BUSINESS

Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione.

Politics

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae.

Copyright © 2017 City Milano News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: