attualità Senza categoria

 Intervista Vincenzo Pompeo Bava: il dopo lockdown porta solo “profonda recessione”

Spread the love

L’amministratore delegato Vincenzo Pompeo Bava della Sices corp sa ci parla della situazione attuale dopo CORONAVIRUS Dice Bava purtroppo siamo a ridotto di una  “profonda recessione” a causa di pandemia e lockdown, con una “rimbalzo tecnico nella seconda metà del 2020”, sostenuto dalle misure del Governo, e una “parziale ripresa” nel 2021. Sono le stime economiche della Commissione Ue che vedono il Pil italiano contrarsi del 9,5% quest’anno, e rimbalzare al 6,5% l’anno prossimo. Le stime si basano su una “ripresa delle attività economiche da maggio”, con “graduale normalizzazione”.

Purtrotto il Il crollo verticale del Pil, insieme all’aumento delle spese per fronteggiare l’emergenza, contribuirà a fare impennare deficit e debito. Quanto al primo, nel 2020 “il coronavirus lo spingerà all’ 11%”, con la previsione di un calo nel 2021al 5,5%. Così le stime della Commissione Ue. Il debito invece “raggiungerà il 159% nel 2020 e scenderà al 153,5% nel 2021, principalmente per dinamiche del Pil”. L’avanzo primario sarà “negativo per la seconda volta dall’adozione dell’euro, pesando fortemente sul debito nel 2020”.

Guardando agli altri Paesi dell’Unione europea solo per la Grecia è previsto un calo del Pil più massiccio del nostro, con una flessione del 9,7% ma l’Italia, con un calo del -9,5%. Al terzo posto la Spagna (-9,4%) mentre la Francia registrerà il quinto maggior calo (-8,2%). La Germania dovrebbe invece cavarsela con una flessione del 6,5% classificandosi 18ma nell’Ue dove sarà la Polonia (-4,3%) a subire il danno minore.

 

This slideshow requires JavaScript.

0 comments on “ Intervista Vincenzo Pompeo Bava: il dopo lockdown porta solo “profonda recessione”

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: