MUSICA Senza categoria

LUCIANO D’ADDETTA, LA QUARANTENA NON FERMA L’ISPIRAZIONE

Spread the love

Nemmeno la quarantena ha fermato la sua ispirazione. La musica gli scorre nel sangue. Così, Luciano D’Addetta – ormai noto come il “compositore del mare” – proprio nel periodo di emergenza ha scelto di proporre una delle sue sorprese musicali tanto gradite al grande pubblico. Per immergersi nei suoi contenuti servono orecchio fine e animo pronto a cogliere l’emozione delle parole. Il resto lo fa un sound melodico che negli anni l’ha portato in giro per l’Italia e per il mondo. Dopo aver lavorato nel cortometraggio “Sogno di fantascienza” realizzando le musiche, ora Luciano D’Addetta torna in rampa di lancio. Dalla Lombardia – terra martoriata dal Coronavirus che lo ha accolto ormai da molti anni – ha scelto di presentare un brano inedito, toccante, dal titolo che evoca pensieri, sogni e buoni propositi. Tre elementi di cui oggi c’è un gran bisogno…

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Luciano, cosa esprimi in questo pezzo intitolato La stella del mare?

E’ l’espressione del desiderio insito in ognuno di noi… Non si dice, ma penso che sia un pensiero ricorrente del nostro vivere.

Come mai questa volta hai usato un testo per raggiungere il pubblico?

Ritengo che la musica può esprimersi in ogni forma… Non sono un poeta, ma le parole somigliano alle note e possono colorare i pensieri.

Che ruolo ha nella tua formazione la musica mediterranea?

La frequento fin dall’infanzia: al di là degli studi accademici svolti, il mare lo porto dentro ed anche se abito in una metropoli come Milano viaggio lo stesso nelle spiagge… talvolta di persona, altre volte con la fantasia!

Questo brano lo hai composto in riva al mare come già avvenuto per altre composizioni?

No, stavolta il pezzo l’ho scritto pensando a quelle belle passeggiate in riva alla spiaggia che facevo da bambino; la stella è un ricordo: quando desideravo qualcosa mi sedevo in riva al mare e sognavo… guardando le stelle.

Tanti ricordi e un aneddoto…

Una sera mentre ero nel Taorminese sentii la voce di un pescatore che mi disse: “Picciriddu,talìa talìa picchì na stidda luccichia sempi pi ttia”. Sapete che vuol dire? “Bambino guarda, guarda perchè una stella brilla sempre per te”. Parole sagge, dense di amore e di significato.

Il pezzo si ispira a questo?

Si, ho messo in musica il desiderio dietro il riflesso di una stella ed ho tradotto lo spunto dalla la frase del pescatore…

CONTATTI SOCIAL

https://www.facebook.com/luciano.daddetta

https://www.facebook.com/luciano.daddetta/videos/2781301078552274

https://www.youtube.com/user/lucianodaddetta?feature=mhee&fbclid=IwAR2B8Bqa23djwR3mtqY1LbGh8YYSKzt1vBTONYF2i8f2Qv5oh8ymFFUN1CE

0 commenti su “LUCIANO D’ADDETTA, LA QUARANTENA NON FERMA L’ISPIRAZIONE

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: