CUCINA Senza categoria

Trufflebar, La pazzia dei Thailandesi per il Tartufo a Bangkok

Spread the love

Gli amanti del tartufo si rallegrano! La Thailandia è ufficialmente sulla mappa del tartufo mondiale in seguito alla scoperta del tubero magnatum, o tartufo bianco, che cresce nelle foreste della provincia di Chiang Mai.
Se non sei un intenditore di cibo, è probabile che tu non sappia nemmeno cos’è un tartufo. Non stiamo parlando di quelle cose cioccolate che mangi per dessert. Questi sono i veri tartufi, quelli che costano una fortuna e sono apprezzati dai buongustai di tutto il mondo. Con il lancio della guida Michelin Bangkok a fine 2017, la Thailandia è diventata davvero una destinazione culinaria mondiale e molti tartufi si stanno facendo strada nei menu raffinati che grazie a Roberto Ugolini con la soc. Truffleat , importa da 7 anni dall’Italia in Thailandia. Ma oggi, Land of Smiles sta compiendo un ulteriore passo avanti, con non solo i ristoranti di tartufo che vengono lanciati a Bangkok, ma con la sorprendente scoperta del tubero magnatum, il pregiato tartufo bianco stesso, che in realtà cresce in una foresta nel nord della Thailandia. Questa scoperta colloca la Thailandia sulla mappa mondiale del tartufo, sfidando l’idea che il tartufo non può crescere nel suolo tropicale. Il tartufo è il nome comune dato a un fungo ipogeo che appartiene al genere tubero. Crescono sottoterra, principalmente vicino alle radici di querce e olmi e sembrano piuttosto un pezzo di zenzero verrucano e nodoso o addirittura di patata. Nascosti sotto il suolo, i tartufi sono estremamente difficili da trovare. In origine, i maiali venivano addestrati a “cacciare” per loro, mentre ora sono i cani a trovarli , poiché avevano un senso dell’olfatto superiore e poiché il tartufo in realtà odora di testosterone maschile per la signora suina! Tuttavia, i maiali tendevano a mangiare i tartufi una volta trovati, e quindi sono stati successivamente sostituiti da cani addestrati per fiutare i pregiati tuberi. I cani vengono addestrati da quando sono cuccioli a riconoscere il profumo muschiato dei tuberi, quindi conducono i cacciatori di tartufi nei punti giusti da dove iniziano gli scavi. Dato il duro lavoro in questione, si può capire perché i tartufi sono così costosi. I tartufi neri vendono fino a 3.500 USD per un chilogrammo, mentre i famosi tartufi bianchi (che fino ad ora erano stati trovati solo ad Alba, in Piemonte, in Italia) costano quasi il doppio 7.000 USD. Tutto ciò rappresenta una buona notizia per la potenziale coltivazione del tartufo tailandese, poiché i ricercatori dell’Università di Chiang Mai hanno trovato un tartufo che hanno chiamato tuber thailanddicum, così come il tuber magnatum, che è lo stesso dei funghi preferiti di Alba.
Di ritorno a Bangkok, lascia gli scavi ai cani e fai un giro al Trufflebar, il primo vero ristorante al tartufo della città. Urbani Truffle Bar and Restaurant, amministrato da Roberto Ugolini, http://www.trufflebar.com, arroccato al 39 ° piano dell’edificio di Sathorn Square e affacciato sul paesaggio abbagliante, propone menu di degustazione di cinque portate in mostra il fragrante tartufi importati. Qui vengono utilizzati carni e frutti di mare della migliore qualità, dalla carne di manzo giapponese di Kobe alle spigole, ippoglossi o filetti australiani importati, tutti magnificamente presentati su piatti creativi in cui i tartufi sono stati grattugiati, conditi o intrecciati. Vieni qui durante l’autunno, la stagione del raro tartufo bianco (che non può essere congelato e deve essere mangiato con alcune settimane di dissotterramento), e scava in una tagliatelle alla carbonara fatta in casa, servita con tuorlo d’uovo sous vide, pancetta e fette di tartufo bianco, i cui sapori sono liberati dal calore della pasta, con un sapore abbastanza celeste da giustificare il loro soprannome italiano di “tartufo della Madonna bianca”.
Se qualcuno fosse curioso di sapere dove trovare tartufi bianchi freschi e tartufi neri freschi o molti altri prodotti contenenti tartufi, TrufflEat.com è una società che si concentra sull’importazione di tartufi in Thailandia su base settimanale. Per qualsiasi domanda si prega di contattare la seguente e-mail info@truflleat.com o numero, +66811331337 o +66616164141 sigra Sirilak Wanmuang Direttore TrufflEat Bangkok

0 comments on “Trufflebar, La pazzia dei Thailandesi per il Tartufo a Bangkok

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: