Connect with us

Hi, what are you looking for?

attualità

Coronavirus, barbieri e parrucchieri: in questo settore regna l’abusivismo vogliamo riaprire

Milano, 20 aprile 2020 – Per un barbiere e un suo cliente, tre giorni fa, è scattata una multa da 280 euro a Rovellasca, nel Comasco. I vigili si sono insospettiti al vedere il secondo che camminava in strada con una chioma “troppo in ordine”, evidentemente fresca di taglio. Dal controllo è saltato fuori che l’uomo era appena stato dal suo hair stylist di fiducia, alla faccia delle restrizioni anti contagio. Piovono segnalazioni del genere anche a Milano, “dove c’è chi propone prestazioni da fornire a domicilio, abusivamente, oppure acconsente alle richieste di clienti che desiderano un taglio di capelli o della barba, oppure trattamenti estetici, in questo periodo di quarantena e saloni chiusi. Comportamenti che alimentano una concorrenza sleale e che rappresentano un pericolo per la salute pubblica. Perché aumentano il rischio di diffusione del contagio”

A spiegarlo al Giorno è Salvatore Seccia, 70 anni, presidente Espam (scuola di parrucchieri ed estetisti aperta a Milano nel 1953), vicepresidente Anam (Accademia nazionale acconciatori misti) e titolare dell’SG Barber shop di Salvatore e Gianfranco, bottega storica milanese di via Mazzini, nata nel 1929. Il suo è un grido d’aiuto lanciato “ai nostri governanti, dal premier Giuseppe Conte al ministro della Salute Roberto Speranza, contro l’abusivismo che sta rovinando tutti noi seri professionisti, che siamo a casa già da due mesi e rispettiamo le regole. Il lavoro abusivo sta crescendo a dismisura creando anche potenziali situazioni di contagio”.

Seccia indica una via percorribile: consentire le riaperture delle attività regolari, prendendo tutte le precauzioni necessarie: “Per contrastare questo fenomeno chiediamo di poter aprire le attività con le garanzie previste: siamo già pronti in tutta Italia, soprattutto i soci Anam, con gli idonei dispositivi di protezione individuale e l’appropriata organizzazione del lavoro”. Nello specifico prevede “utilizzo di guanti e mascherine, predisposizione all’ingresso di gel sanificante, regolamentazione degli accessi con appuntamenti o ingresso di un cliente alla volta, utilizzo di copri poltrone, copri lavabo e sanificanti”.

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

BUSINESS

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum fugiat.

attualità

Paolo Bonolis appare spesso insieme ai suoi figli Adele, Silvia e Davide, avuti dalla moglie Sonia Bruganelli. In pochi, però, sanno che l’uomo ha anche altri...

attualità

Nel tempo sono state diverse le riviste di moda che hanno riempito gli scaffali delle edicole in Italia. Tra le varie, andiamo a vedere...

attualità

Inizia nel segno di Loretta Goggi l’undicesima edizione di Tale e Quale Show. Il talent vip di Rai 1 condotto da Carlo Conti si...

Copyright © 2017 City Milano News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: