Connect with us

Hi, what are you looking for?

cronaca

Il governatore Fontana, Da “è poco più di una normale influenza” alla presa di distanza dalle responsabilità sulle morti nelle Rsa

Da “è poco più di una normale influenza” alla presa di distanza dalle responsabilità sulle morti nelle Rsa, da “chiudiamo tutto” a “riapriamo il 4 maggio”: tutte le dichiarazioni sui social e in tv del presidente della Regione
“Sono assolutamente convinto che questa situazione durerà poco. Non bisogna preoccuparsi. È spiacevole e sgradevole. Ma, lo dicono gli esperti, i rischi gravi sono limitatissimi”. Così parlava Attilio Fontana il 23 febbraio. Dal giorno zero, il 20 febbraio che ha cambiato il mondo – due mesi fa oggi – erano passate 72 ore; e il presidente lombardo si rivolgeva ai cittadini in diretta Facebook. Il canale di comunicazione social è stata una costante regionale di questo tempo nuovo – e così ha accostato la sua strategia comunicativa all’attivismo social del suo leader Matteo Salvini -, insieme a interviste a giornali e tv, in quella che è diventata anche una cavalcata tempestosa di messaggi e contro-messaggi, diagnosi e contro-diagnosi nel volgere di pochi giorni. Ripercorribile all’indietro in una sorta di ” Diario della grande crisi lombarda” attraverso le parole del suo (autoproclamato) comandante in capo.
21 febbraio
Alle 13 Attilio Fontana dice nella prima conferenza stampa sull’emergenza: “Le misure che assumiamo non devono essere viste come qualcosa di terribile… Non dobbiamo diffondere il panico”. Alle 15 aggiunge: “Nessuno pensa di chiudere le città ma faremo delle valutazioni sui locali pubblici, sugli eventi che si verificano in quel territorio”.

Coronavirus, Attilio Fontana: ”Poco più che una normale influenza”

23 febbraio
Intervista a “Mezz’ora in più” su Rai3: “Se la situazione dovesse degenerare nella fase due si potrebbero assumere iniziative più drastiche e rigorose” che in Cina sono state adottate” a Wuhan, “ma sono convinto che non si arriverà a questo”. Più tardi, sull’istituzione della zona rossa nel lodigiano su Rai2 a “Che tempo che fa” Fontana aggiunge: “Con questo provvedimento non vogliamo andare a limitare in maniera sostanziale la vita dei cittadini. La vita dei lombardi deve continuare come è stata fino ad oggi”.

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

BUSINESS

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum fugiat.

World

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum.

BUSINESS

Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione.

Politics

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae.

Copyright © 2017 City Milano News

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: