attualità attualità Senza categoria

altro che coronavirus. In America Latina c’è un’altra emergenza ancora più grande che inquieta , e non poco: la febbre tropicale dengue, che avanza galoppando, seppur silenziosamente.

Spread the love

Non solo coronavirus. In America Latina c’è un’altra emergenza da affrontare che preoccupa, e non poco: la febbre tropicale dengue, che avanza galoppando, seppur silenziosamente. Più di 3 milioni le persone positive in tutto il continente e 1538 i morti nel 2019, anno che ha registrato un brusco aumento dei casi, segnando la peggiore epidemia della storia per questa malattia in Sudamerica dopo il record del 2015. E le cose per il 2020 non promettono di andare meglio. Nei primi mesi di quest’anno sono già oltre 320mila i casi segnalati, che superano abbondantemente quelli dello stesso periodo del 2019. Sono distribuiti principalmente tra Brasile (167mila), Paraguay (85mila) e Colombia (20mila), anche se il maggior aumento di incidenza, rispetto alla popolazione, si è avuto in mila, Belize e Honduras.

Questa febbre tropicale è trasmessa dal morso delle zanzare Aedes aegypti e negli ultimi anni ha conosciuto una crescita notevole non solo in America Latina, ma anche in Africa e Asia. I primi sintomi sono febbre alta, seguita da dolore alla testa e muscolari, poi all’addome e le articolazioni, con anche nausea e vomito. Secondo i dati dell’Organizzazione della sanità panamericana (Paho), la quantità di persone ammalatesi l’anno scorso è stata sei volte maggiore del 2018, e il 30 per cento in più di quelle registrate nel 2015. “Paesi come Belize, Costa Rica, Salvador, Messico e Nicaragua hanno avuto il triplo dei casi nel 2019, mentre altri come Antigua e Barbuda, Brasile, Guadalupe, Guatemala, Honduras, Jamaica, Martinica e Repubblica Dominicana, hanno avuto una crescita dalle 7 alle 10 volte superiore. Ciò significa – ha detto la Paho – che il continente attraverso un periodo epidemico per la dengue per la prima volta dal 2015”.

Non solo coronavirus. In America Latina c’è un’altra emergenza da affrontare che preoccupa, e non poco: la febbre tropicale dengue, che avanza galoppando, seppur silenziosamente. Più di 3 milioni le persone positive in tutto il continente e 1538 i morti nel 2019, anno che ha registrato un brusco aumento dei casi, segnando la peggiore epidemia della storia per questa malattia in Sudamerica dopo il record del 2015. E le cose per il 2020 non promettono di andare meglio. Nei primi mesi di quest’anno sono già oltre 320mila i casi segnalati, che superano abbondantemente quelli dello stesso periodo del 2019. Sono distribuiti principalmente tra Brasile (167mila), Paraguay (85mila) e Colombia (20mila), anche se il maggior aumento di incidenza, rispetto alla popolazione, si è avuto in mila, Belize e Honduras.

0 commenti su “altro che coronavirus. In America Latina c’è un’altra emergenza ancora più grande che inquieta , e non poco: la febbre tropicale dengue, che avanza galoppando, seppur silenziosamente.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: