Senza categoria

Il Venezuela spacca il mondo e ricrea “la guerra fredda”

Spread the love

In queste settimane gli occhi del mondo sono puntati sul Venezuela in un crescendo di tensioni sociali che sembrano destinate a mutare gli equilibri geopolitici mondiali. Al grido di “Sí, se puede” il 23 gennaio di quest’anno, durante una manifestazione di piazza, Juan Guaidó, presidente dell’Assemblea nazionale dal 5 gennaio scorso, si è autoproclamato ‘Presidente ad interim’ del Venezuela al posto dell’attuale presidente Nicolás Maduro, con tanto di giuramento davanti alla folla. Nelle strade è scoppiato il caos e ad oggi si contano già 26 vittime e oltre 200 persone arrestate dall’esercito rimasto fedele a Maduro.

Le notizie provenienti dal Paese sudamericano hanno avuto una immediata eco mondiale che ha portato, in breve, a una situazione politica che ricorda la divisione del mondo in due blocchi di influenza degli anni della guerra fredda: da una parte, infatti, la maggior parte dei Paesi sudamericani, gli Stati Uniti, il Canada e l’Unione Europea hanno da subito manifestato il proprio appoggio a Guaidó invocando «libere elezioni in Venezuela», mentre Turchia, Siria, Iran, Cuba, e soprattutto la Russia di Putin, hanno condannato fermamente l’autoproclamazione avvenuta a danno di Maduro, confermando tutto il proprio sostegno a quest’ultimo.

0 commenti su “Il Venezuela spacca il mondo e ricrea “la guerra fredda”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: