cronaca HOME

Daisy, la confessione dei tre ragazzi: “Le nostre scorribande con il Doblò”

Spread the love

Angoscia e imbarazzo per essere finiti al centro di un caso più grande di loro. Pentimento? Anche quello, “ma non per aver compiuto un gesto razzista”. Per la “stupidità”. Emozione e sgomento, consegnati a poche righe di dichiarazioni spontanee rese davanti ai carabinieri di Moncalieri giovedì pomeriggio, disperati ormai di poter chiudere così questa partita sfortunata.
Tutti accompagnati dallo stesso avvocato, Alessandro Marampon, contattato in fretta e furia tra gli amici di di famiglia, in un inizio di agosto torrido, nel pieno di una bufera mediatica su questo presunto caso di razzismo che, in realtà, doveva essere solo una bravata. Le firme tremolanti in fondo al foglio sono quelle di Federico, Fabio e Matteo, i tre ragazzi, diciannovenni, studenti dell’alberghiero Norberto Bobbio di Carignano che nell’attesa delle vacanze, dopo la maturità, ammazzavano la noia con scorribande in auto e lancio di uova dal finestrino. Domenica sera, a Moncalieri, hanno ferito la discobola azzurra Daisy Osakue all’occhio, lanciando dall’auto in corsa del padre di Federico, Roberto De Pascali, ingegnere e capogruppo del Pd a Vinovo.
“L’idea di lanciare le uova ci è venuta prendendo spunto non ricordo se da un episodio di cronaca o da un film, e abbiamo iniziato da circa un mese o poco più” ha ammesso Matteo Piovano, appena diplomato, un bel ragazzo che gioca a pallone, mai un disagio, né a casa né a scuola. Eppure era lui sul sedile dietro quella sera sul Doblò del compagno di scuola De Pascalis, lui invece “sempre alla guida”, in queste specie di scorribande notturne. “Sono io l’autore del lancio” ha ammesso. “Nelle altre occasioni, tre o quattro, non ricordo se ho tirato io o se era Fabio”.

Daisy, la confessione dei tre ragazzi: "Le nostre scorribande con il Doblò"

Daisy Osakue

“Questi ragazzi hanno fatto una bravata, certo, ma non dobbiamo dimenticare che cosa li aspetta fuori da qui, ora che hanno lasciato la scuola” riflette Franco Zanet, il preside dell’alberghiero Bobbio. “Vanno incontro a tre o quattro anni di totale incertezza. Possono fare dei lavoretti. Può darsi che questo episodio, nato per noia, abbia origine da questa incertezza e dalla mancanza di prospettiva a breve termine». Zanet racconta che i suoi studenti, anche quelli brillanti come De Pascali, premiato alle “olimpiadi” interne di enogastronomia, impiegano tre o quattro anni prima di trovare un lavoro vero. “Per loro inizia una stagione di disagio. È un elemento che può aver inciso”. Scorrendo i profili facebook, ormai prontamente “blindati” alle intrusioni dei curiosi, non spicca nulla di anomalo. Nemmeno quella voglia di esibirsi a ogni costo che tanto contraddistingue i ragazzi della generazione social, e che li avrebbe spinti a pubblicare nei giorni scorsi almeno qualche immagine delle bravate che facevano la sera, dei viaggi in cerca di qualcuno da imbrattare come in quei film che citano nella loro “confessione”.
“Dopo il lancio contro Daisy (ma il nome l’hanno scoperto solo dai giornali, ndr) non ci siamo resi conto di averla colpita al viso” ha detto ai carabinieri Fabio Montalbetti. “È stato lanciato un uovo solo, così come anche le altre volte”. Solo in una occasione riferisce di un “secondo passaggio”. “Ricordo un altro fatto — dice Fabio — , quello delle tre donne che stavano parlando tra di loro davanti alla pizzeria che si trova sulla strada che da Moncalieri va a Trofarello, vicino a un autolavaggio. In quel caso lì siamo passati due volte, la prima mi sembra che una delle donne sia stata colpita al braccio, poi al secondo passaggio dopo circa 10-15 minuti, abbiamo lanciato un altro uovo che ha colpito un cassonetto dell’immondizia”. Il progetto di far loro del male? “Le uova le tiravamo sempre io e Matteo — ha detto ancora Montalbetti — ma non c’erano obiettivi predeterminati”. Chi capitava a tiro veniva colpito.

Matteo Piovano ricostruisce nel dettaglio il lancio contro Daisy. “Ricordo che eravamo nella macchina e io mi trovavo sul sedile posteriore lato destro, era verso mezzanotte. Eravamo in corso Roma e la ragazza era nei pressi di un semaforo all’incrocio. Noi con la macchina passavamo vicino a lei e lanciavamo un uovo, senza scopi razziali, ma come le altre volte, per gioco”. “Non abbiamo capito che si era fatta male» ha detto Federico De Pascali. «Abbiamo colpito, sempre la stessa sera, un ragazzo con una maglia bianca”.
Addirittura dopo aver colpito Daisy, un quarto d’ora più tardi. A dimostrazione del fatto che non avevano idea di che cosa sarebbe accaduto dopo: l’atleta ferita all’occhio, la visita all’ospedale, le foto, le polemiche e poi le videocamere di sorveglianza che hanno immortalato la targa del Doblò. In poco più di due giorni i carabinieri hanno risolto il giallo: Roberto De Pascali, giovedì mattina è stato fermato mentre andava al lavoro col furgone, sulla fiancata aveva ancora i segni delle scorribande del figlio. I ragazzi già sapevano ma non avevano avuto il coraggio di confessare. «Abbiamo letto sui giornali mentre eravamo al mare — ha detto Fabio — e immediatamente abbiamo collegato i fatti”. L’accusa di razzismo però no. Il gruppo si era dato una regola: niente persone di colore tra gli obiettivi dello scherzo. «Altrimenti il rischio è di finire nei guai”.

0 commenti su “Daisy, la confessione dei tre ragazzi: “Le nostre scorribande con il Doblò”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: