cronaca HOME

Torino, Appendino sul sì alle Olimpiadi perde la maggioranza in Comune

Spread the love

No dei quattro consiglieri ribelli: il M5S scende da 23 a 19

Da una parte la capogruppo Valentina Sganga che per tutta la giornata ribadisce che la posizione della sindaca sarà condivisa anche dal gruppo. E quando esce la lettera ufficiale che Appendino invia al presidente del Coni Giovanni Malagò sui Giochi delle Alpi sottolinea che il gruppo non è in grado di uscire con una posizione, ma che comunque la lettera sembra in linea con la delibera. Dall’altro i quattro consiglieri No Olimpiadi, quelli che solo dopo le dieci di sera prendono posizione e dicono di sentirsi presi in giro dalla prima cittadinia. Il titolo del post è eloquente “La sindaca scavalca il Consiglio Comunale”, si legge sulla bacheca di Damiano Carretto. Parole firmate anche da Maura Paoli, Daniela Albano e Viviana Ferrero.
La lettera di Appendino per loro è completamente fuori tema rispetto alla delibera approvata dalla Sala Rossa che dice no a candidature condivise. E ora non si trovano solo un tandem, ma un tridente: To-Mi-Co.  “L’indirizzo espresso dalla delibera approvata dal Consiglio Comunale di Torino era molto chiaro: no a candidature condivise con Milano e Cortina. La lettera inviata a Malagò, invece, smentisce questo semplice concetto mettendo la Città di Torino a disposizione di un eventuale “candidatura nazionale”, se imposta dal Governo. Governo che, tra le altre cose, avrebbe dovuto produrre, tramite ente terzo, un’approfondita analisi costi-benefici sulle tre candidature. Analisi di cui si sono perse le tracce. Se la Sindaca pensa di prendere in giro la sua maggioranza e il Consiglio Comunale dovrà iniziare a contare i consiglieri e le consigliere che, quella maggioranza, la compongono. Abbia il coraggio di rispettare quanto espresso dal Consiglio ed esprima l’indisponibilità della Città di Torino a una candidatura condivisa, anche se fosse il Governo stesso a richiederla, ponendo così fine a questo assurdo teatrino. È ormai palese che non possa esistere una candidatura sostenibile”. I quattro chiudono senza possibilità di appello, facendo scendere i voti della maggioranza sul tema da 23 a 19 consiglieri, più la sindaca 20 su un totale di 40.
Una maggioranza insufficienze, anche se sui Giochi le opposizioni sono pronte a contribuire. Di sicuro Forza Italia con Osvaldo Napoli e la Lega con Fabrizio Ricca, che hanno allegato al dossier olimpico le loro lettere di impegno non potendo partecipare al dibattito sulla delibera dei Giochi e non potendo votare. E poi c’e’ pure il Pd. Il capogruppo dei Dem Stefano Lo Russo plaude alla scelta di Appendino: “Brava Appendino ad aver dato la disponibilità al Coni per la candidatura olimpica condivisa anche con Milano e  Cortina”. E aggiunge: “Abbiamo rischiato grosso ma in extremis si è evitato il patatrac e quindi almeno stavolta riconosciamo alla sindaca di aver agito nell’interesse della Città e non della sua maggioranza M5S in Consiglio Comunale. Se Appendino non avesse dato la disponibilità, Torino sarebbe stata tagliata fuori e il Coni avrebbe direzionato tutto su Milano e Cortina”.
Appendino ha dovuto tenere conto del pressing del presidente della Regione Sergio Chiamparino, dei sindaci delle Valli Olimpiche e spera nella copertura del governo e dei ministri pentastellati. Copertura che gli basterà a superare le tensioni del suo gruppo? Si vedrà nelle prossime ore. Non tutti i pentastellati sono “No Olimpiadi”. Il consigliere Marco Chessa sottolinea che “Anche se la formula in triplice coabitazione mi lascia in qualche modo perplesso circa la sua fattibilità ed operatività, credo che la scelta operata dalla Sindaca sia stata la migliore possibile per evitare l’isolamento di Torino sul piano nazionale ed internazionale, dovuto dalla forte crisi economica e dalla mancata coesione tra i diversi attori del territorio. Un diniego aprioristico a questa proposta avrebbe creato una ulteriore situazione di forte criticità della quale, francamente, non avverto il bisogno”. Secondo Chessa “La palla passa quindi al Governo, il quale dovrà effettivamente capire quanto questi Giochi Olimpici possano essere gestibili sotto il profilo economico, infrastrutturale e ambientale”.

0 commenti su “Torino, Appendino sul sì alle Olimpiadi perde la maggioranza in Comune

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: